Informazioni sul settore
realtà virtuale

Il primo "ordine limite di plastica" globale è qui: Maypak

Giugno 06, 2022

Di recente, l'Assemblea delle Nazioni Unite per l'ambiente si è tenuta sia online che offline a Nairobi, la capitale del Kenya, con la partecipazione di oltre 2.000 rappresentanti di quasi 200 Stati membri. Uno degli argomenti più importanti dell'incontro è affrontare il problema globale dell'inquinamento da plastica e discutere lo sviluppo del primo accordo globale per affrontare la crisi della plastica. L'agenzia France-Presse ha riferito che si tratta di un accordo ambientale che ha "grandi aspettative" da quando è stato firmato l'accordo di Parigi nel 2015.


Attualmente, la protezione ambientale è diventata il tema principale dello sviluppo globale e le politiche di protezione ambientale in patria e all'estero stanno emergendo una dopo l'altra. Il 19 gennaio 2020, la Commissione nazionale per lo sviluppo e la riforma e il Ministero dell'ecologia e dell'ambiente hanno annunciato i "Opinioni su un ulteriore rafforzamento del controllo dell'inquinamento da plastica": "Entro la fine del 2020, il mio paese assumerà un ruolo guida nel vietare e limitare la produzione, la vendita e l'uso”.

Il 23 febbraio di quest'anno il Ministero dell'Ecologia e dell'Ambiente del mio paese ha sottolineato ancora una volta che il Ministero dell'ecologia e dell'ambiente rafforzerà attivamente il controllo dell'inquinamento da plastica in base alle proprie responsabilità. Il prossimo passo sarà attuare i requisiti legali per il controllo dell'inquinamento da plastica e promuovere l'attuazione dei "Pareri sull'ulteriore rafforzamento del controllo dell'inquinamento da plastica" e del "14° piano quinquennale" Piano d'azione per il controllo dell'inquinamento da plastica e il controllo inquinamento plastico in modo preciso, scientifico e legale. Allo stesso tempo, rafforzare ulteriormente la cooperazione con la comunità internazionale e contribuire attivamente all'esperienza cinese e alla saggezza cinese alla comunità internazionale.


1. Le plastiche degradabili hanno ancora una volta il sopravvento                                                                            


Sotto il tema principale della protezione ambientale, la plastica degradabile, in quanto materiale chiave per sostituire la plastica esistente, diventerà senza dubbio di nuovo la direzione della speculazione pubblica.


La plastica degradabile è in realtà un'alternativa ideale per risolvere l'inquinamento bianco. La biodegradazione è la principale varietà di plastica degradabile. Di solito, le plastiche degradabili che tutti sentono si riferiscono a plastiche biodegradabili, a cui tutte le parti hanno prestato attenzione perché possono risolvere fondamentalmente il problema dell'inquinamento bianco.


Cos'è la plastica degradabile?


Le materie plastiche degradabili si riferiscono a una classe di materie plastiche le cui varie proprietà possono soddisfare i requisiti di utilizzo, rimanere invariate durante la durata di conservazione e possono essere degradate in sostanze innocue per l'ambiente in condizioni naturali dopo l'uso. Pertanto, è anche chiamata plastica ecologicamente degradabile.


Ci sono una varietà di nuove plastiche: plastica fotodegradabile, plastica biodegradabile, plastica leggera/ossidativa/biodegradabile, plastica biodegradabile a base di anidride carbonica, plastica degradabile con resina termoplastica amido.


2. L'inquinamento da plastica è diventato un problema centrale                                                                                     


Il presidente dell'Assemblea delle Nazioni Unite per l'ambiente e il ministro dell'Ambiente norvegese Espen Bart Eide hanno affermato nel suo discorso che il mondo sta affrontando la minaccia di tre grandi crisi ambientali: il cambiamento climatico, la perdita di biodiversità e l'inquinamento e i rifiuti. Il mondo si sta gradualmente riprendendo dall'epidemia, ma di fronte ai problemi ambientali, la nostra generazione ha ancora molta strada da fare.


Secondo un rapporto pubblicato dal Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente nel 2021, dal 1950 al 2017 sono stati prodotti a livello globale circa 9,2 miliardi di tonnellate di plastica, di cui il tasso di riciclaggio della plastica è stato inferiore al 10% e circa 7 miliardi di tonnellate sono diventate rifiuti di plastica . Si stima che entro il 2040 circa 710 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica verranno scartati nell'ambiente naturale ogni anno. La rivista americana "Science Advances" ha avvertito che nel 2050 ci saranno più di 13 miliardi di tonnellate di rifiuti di plastica sulla terra e la terra blu potrebbe diventare un "pianeta di plastica".


Attualmente, l'inquinamento da plastica è diventato il fulcro dell'inquinamento ambientale globale dopo il cambiamento climatico, ponendo una grande sfida allo sviluppo sostenibile globale. L'inquinamento da plastica negli oceani e in altri ambienti ha le caratteristiche del trasferimento transregionale e nessun paese o regione può esserne immune. Tutti i paesi devono sostenere il concetto di "comunità con un futuro condiviso per l'umanità" e intraprendere azioni ampie e attive per affrontarlo congiuntamente. "Ha detto Zhang Deyuan.


3. Alternative in plastica inaudite, di quali hai sentito parlare?                                                                      


I sostituti della plastica ecologici e naturali come i prodotti di carta e i prodotti di bambù hanno attirato l'attenzione della gente. Quindi, oltre a questi, quali nuovi materiali naturali alternativi ci sono?


1) Alghe: la risposta alla crisi della plastica?


Con lo sviluppo delle bioplastiche, le alghe sono diventate una delle migliori alternative ai tradizionali imballaggi in plastica.


Dal momento che non viene coltivato sulla base di materiale di provenienza terrestre, non fornisce alcun foraggio per la solita controversia sulle emissioni di carbonio. Inoltre, le alghe non richiedono l'uso di fertilizzanti. Aiuta a ripristinare la salute del suo immediato ecosistema marino ed è non solo biodegradabile ma anche compostabile a casa, il che significa che non ha bisogno di essere scomposto da reazioni chimiche negli impianti industriali.


La startup indonesiana di imballaggi sostenibili Evoware ha creato imballaggi personalizzati di alghe rosse che durano fino a due anni ed è commestibile. Finora, 200 aziende del settore alimentare, cosmetico e tessile hanno testato il prodotto.


La start-up britannica Notpla ha anche sviluppato una gamma di imballaggi per alimenti e bevande a base di alghe, come i sacchetti di ketchup che riducono le emissioni di anidride carbonica del 68%.


Le confezioni morbide per bevande e salse, chiamate Oohos, hanno un volume compreso tra 10 e 100 ml. I pacchi possono anche essere consumati e smaltiti nei normali rifiuti domestici e si degradano nell'ambiente naturale entro 6 settimane.


2) La fibra di cocco può fare vasi di fiori?


L'e-tailer vegetale del Regno Unito foli8 ha lanciato una gamma di vasi biodegradabili realizzati con pura fibra di cocco e lattice naturale.


Non solo questo vaso a base di materiale vegetale aiuta a ridurre al minimo l'impronta ecologica, ma è ugualmente vantaggioso dal punto di vista dell'orticoltura. Perché è noto che i vasi in fibra di cocco promuovono una forte crescita delle radici. Questa innovazione evita anche la necessità di rinvasare, poiché i vecchi vasi si inseriscono facilmente in vasi più grandi, riducendo al contempo il rischio di danni alle radici.


Foli8 fornisce anche soluzioni di impianto aziendale per famosi monumenti di Londra come The Savoy, oltre a fornire alcuni dei migliori spazi di lavoro globali del Regno Unito.


3) Popcorn come materiale da imballaggio


L'uso dei popcorn come materiale da imballaggio può sembrare un altro vecchio scherzo, ma i ricercatori dell'Università di Göttingen hanno recentemente sviluppato un materiale ecologico a base vegetale come alternativa ecologica al polistirene o alla plastica. L'università ha ora firmato un accordo di licenza con Nordgetreide per l'uso commerciale di processi e prodotti per l'industria dell'imballaggio.


Stefan Schult, amministratore delegato di Nordgetreide, ha affermato che l'imballaggio a base vegetale è una buona alternativa sostenibile, realizzato con sottoprodotti non commestibili della produzione di fiocchi di mais e può essere compostato dopo l'uso senza alcun residuo.


"Questo nuovo processo si basa su tecnologie sviluppate dall'industria della plastica per produrre un'ampia gamma di parti stampate", spiega il professor Alireza Kharazipour, leader del team di ricerca. "Questo è particolarmente importante quando si considera l'imballaggio, in quanto garantisce che il prodotto sia trasportato in sicurezza e riduce al minimo gli sprechi. Tutto ciò si ottiene utilizzando un materiale biodegradabile anche a posteriori".


4) Starbucks lancia il "tubo di scorie"


Come la più grande catena di negozi di caffè del mondo, Starbucks è sempre stata all'avanguardia di molte industrie di ristorazione sulla strada della protezione dell'ambiente. Nel negozio puoi vedere stoviglie usa e getta realizzate con materiali degradabili come PLA e carta. Ad aprile di quest'anno, Starbucks ha lanciato ufficialmente PLA e caffè. Si dice che la paglia biodegradabile fatta di scorie abbia un tasso di biodegradazione superiore al 90% entro 4 mesi.

Questo tipo di cannuccia è resistente all'agitazione, non si piega facilmente e si attacca alla bocca e ha una migliore esperienza di consumo. Dal 22 aprile, più di 850 negozi a Shanghai hanno iniziato a fornire questo "tubo di scorie" e si prevede di coprire gradualmente i negozi a livello nazionale entro quest'anno. 


5) Bottiglia di carta Coca-Cola in un unico pezzo


Quest'anno, Coca-Cola ha anche lanciato un packaging per bottiglie di carta. Il corpo della bottiglia è realizzato in carta di polpa di legno nordica, riciclabile al 100%. La parete interna del corpo della bottiglia ha una pellicola protettiva di materiali biodegradabili. Realizzato in plastica biodegradabile. La bottiglia è realizzata con inchiostro sostenibile o incisa al laser, riducendo ancora una volta la quantità di materiale e rendendola molto rispettosa dell'ambiente.

Il design in un unico pezzo migliora la resistenza della bottiglia e un design a trama rugosa viene aggiunto alla metà inferiore della bottiglia per una migliore presa. La bevanda sarà sperimentata nel mercato ungherese, 250 ml, e il primo lotto è limitato a 2.000 bottiglie.


Coca-Cola, che si è impegnata a rendere i suoi imballaggi riciclabili al 100% entro il 2025, prevede di avere un sistema in atto entro il 2030 per garantire che ogni confezione di bottiglia o lattina venga riciclata.

Sebbene le plastiche degradabili abbiano il loro "alone di protezione ambientale", sono sempre state controverse nel settore. La plastica degradabile è diventata la "nuova favorita" per sostituire la plastica ordinaria. Tuttavia, se le plastiche degradabili devono svilupparsi a lungo, come affrontare il problema dello smaltimento scientifico dei rifiuti generati dopo l'uso su larga scala di plastiche degradabili limiterà la salute e la sostenibilità delle plastiche degradabili. punti chiave di sviluppo. Da questo punto di vista, la promozione delle plastiche degradabili ha molta strada da fare.


Informazioni di base
  • Anno stabilito
    --
  • tipo di affari
    --
  • Paese / regione
    --
  • Industria principale
    --
  • Prodotti Principali
    --
  • Persona giuridica aziendale
    --
  • Dipendenti totali
    --
  • Valore di uscita annuale
    --
  • Mercato delle esportazioni
    --
  • Clienti collaborati
    --
Chat
Now

Invia la tua richiesta

Scegli una lingua diversa
English
ภาษาไทย
Polski
Gaeilgenah
русский
Português
한국어
日本語
italiano
français
Español
Deutsch
العربية
Lingua corrente:italiano